Toscana, servizi all’avanguardia per oltre 30 mila disabili

La regione è all’avanguardia in Italia per l’assistenza e la tutela delle persone disabili. Numerosi i progetti, tra cui ”Con e dopo di noi”. Presenti due grandi strutture per non vedenti

Firenze – I disabili in Toscana compresi tra 0 e 64 anni nel 2006 erano 33.276. Rappresentano circa l’1,2% della popolazione. Le persone con disabilità grave sono 17.386. La provincia con il maggior numero è quella di Firenze, 5.794. Seguono Pisa, 5.248; Lucca, 4.673; Livorno, 3.780 e Arezzo, 3.075. In Italia le persone con disabilità sono 2 milioni e 600 mila, il 4,8% circa della popolazione di 6 anni e più che vive in famiglia. Se si considerano anche 190.134 persone residenti nei presidi socio-sanitari la stima complessiva è di poco meno di 2 milioni 800 mila persone con disabilità.

L’obiettivo principale della regione è fornire assistenza di qualità alle oltre 30 mila persone disabili che vivono in Toscana tramite una consistente rete di servizi pubblici e privati, al volontariato, alle famiglie. La regione nel corso degli anni ha sviluppato numerosi interventi mirati a consentire a queste persone di essere integrate nella vita scolastica, lavorativa, e più in generale sociale. Ai primi posti in Italia anche l’assistenza fornita ai non vedenti con la Scuola cani guida di Scandicci e la stamperia Braille di Firenze.

L’azione congiunta e integrata di servizi sanitari pubblici e privati, delle famiglie, delle associazioni di volontariato punta alla realizzazione di interventi che promuovano la piena integrazione sociale, scolastica, lavorativa e ambientale e più in generale la vita autonoma: abbattimento di barriere per consentire la piena accessibilità di ambienti pubblici e privati, accesso ai servizi previsti dal progetto di assistenza continua alla persona non autosufficiente, sostegno alle iniziative per l’attivazione di forme innovative di residenzialità (domotica), supporto per la creazione di percorsi turistici, progetti di inserimento ed integrazione scolastica attraverso l’utilizzo di attrezzature informatiche e multimediali, tutela in caso di abusi e maltrattamenti di minori disabili, sviluppo di progetti per la pratica di attività sportive, sperimentazione di progetti di inserimento lavorativo attraverso attività di accompagnamento.

Un altro campo specifico di intervento della regione è rappresentato dal cosiddetto ‘con e dopo di noi’. L’obiettivo in realtà è sviluppare forme di assistenza rivolte alle persone con disabilità che superino il concetto di ‘dopo di noi’ per affermare quello di ‘sempre con noi’. La regione ha elaborato le linee guida del modello di struttura assistenziale in collaborazione con la Scuola Superiore S. Anna di Pisa, le cosiddette Fondazioni di partecipazione, enti diffusi soprattutto in campo culturale (sebbene esistano applicazioni anche in ambito sociale) e che adesso si punta ad estendere al settore dell’assistenza ai disabili. Le Fondazioni si basano sull’applicazione del principio di sussidiarietà orizzontale: sono create dalla gente e gestite dalla gente e il sostegno delle istituzioni, pubbliche e private, serve soltanto a fini operativi, per garantire continuità al progetto.

Sostegno dalla regione è garantito anche alle oltre 5 mila persone con disabilità visiva. Grazie a due strutture uniche in Italia, la Scuola cani guida di Scandicci e la Stamperia Braille di Firenze, la Toscana è diventata un punto di riferimento nazionale per i servizi dedicati ai ciechi. Dalla scuola cani guida escono ogni anno circa 50 cani addestrati che vengono affidati gratuitamente a persone non vedenti in tutta Italia. Tra gli obiettivi futuri anche la sperimentazione di pet-therapy con istituti scientifici e aziende sanitarie e di utilizzo dei cani addestrati per garantire sostegno a persone con disabilità motoria e compagnia a persone anziane autosufficienti. La stamperia Braille provvede a trascrivere oltre 100 mila pagine ogni anno. I libri scolastici per i ragazzi toscani vengono trascritti con un rimborso da parte dei comuni di residenza. Le opere disponibili in catalogo sono circa 4 mila e vengono vendute ad un prezzo agevolato. La stamperia collabora con altri enti e associazioni per l’organizzazione di molte attività (visite guidate a musei, mostre, presentazioni di libri speciali, ecc.). (js)

Leave a Reply

  

  

  

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.