DIO ABITA NELL’UOMO

Intervento del vescovo alla veglia ecumenica di ascolto e di preghiera
in occasione delle manifestazioni “Da Sud a Nord: un’Alleanza per la Democrazia”
.
Preparandomi a questo incontro di veglia, mi sono fatto diverse domande. Quale il fine di questa manifestazione nazionale a Reggio Emilia? Quali le ingiustizie e i mali da cui essere liberati? Quali le sofferenze da condividere con dei nostri fratelli? Quali compiti ci affida oggi il Signore per camminare insieme verso un Paese solidale? Certo, anche queste sono domande importanti a cui dare una risposta. Credo che promuovere una società e una cultura della giustizia e della solidarietà sia prima di tutto domandarsi: dov’è Dio? Dove trovarLo?
Continua la lettura di “DIO ABITA NELL’UOMO”

Merito, eccellenza e qualità della scuola. E gli studenti disabili?

Salvatore Nocera, vicepresidente della Fish, è preoccupato del fatto che l’Atto di indirizzo ministeriale per il 2009 non faccia riferimento agli alunni con disabilità. ”Le dichiarazioni della Gelmini non corrispondono alla realtà”

ROMA – “Se la scuola deve essere orientata al merito degli studenti, all’eccellenza dei dirigenti e dei docenti e alla qualità, questo deve valere anche per gli alunni disabili”. Salvatore Nocera, vicepresidente della Fish (Federazione italiana per il superamento dell”handicap) e responsabile dell’area normativo-giuridica dell’Osservatorio scolastico sull’integrazione dell’Aipd (Associazione italiana persone down), si dice preoccupato del fatto che l’Atto di indirizzo ministeriale per il 2009 delle attività dell’Ansas (Agenzia nazionale per lo sviluppo dell’autonomia scolastica) non faccia riferimento agli alunni con disabilità. “Le dichiarazioni del ministro Gelmini non corrispondono alla realtà”, commenta l’avvocato Nocera.
Continua la lettura di “Merito, eccellenza e qualità della scuola. E gli studenti disabili?”

I giovani di sistema

I baby camorristi secondo Saviano

Articolo di Roberto Sviano (L’Espresso, ottobre 2004).
savianomantova.jpg
Saviano al recente festival della letteratura di Mantova

Prima la droga poi i cantieri. Così cresce l’esercito dei baby camorristi. Hanno dai 12 ai 17 anni. Sono pronti alla prossima guerra tra «l’alleanza» e i Mazzarella. Ai clan offrono tutte le garanzie: stipendio basso, niente orari, niente famiglia. Ci sono loro dietro gli ultimi omicidi. Senza mai abbandonare la scuola, e scommettendo sulle corse delle Smart.  Continua la lettura di “I giovani di sistema”