Terra Santa, la Caritas: fermate le violenze

La Caritas si attiva e lancia un appello per il cessate il fuoco. ”Condanniamo ogni violenza: i razzi lanciati dalla striscia di Gaza, ma anche gli attuali bombardamenti. Così vi saranno solo ulteriori spirali di violenza”

ROMA – “Bisogna assolutamente che cessino i bombardamenti, perché sono già troppe le vittime innocenti. Noi condanniamo ogni violenza: i razzi lanciati dalla striscia di Gaza, ma anche gli attuali bombardamenti. Così vi saranno solo ulteriori spirali di violenza. Ci addolora che ancora una volta l’unico linguaggio sia quello delle armi”.
Continua la lettura di “Terra Santa, la Caritas: fermate le violenze”

Disabili e terza età, servizi sociali sotto accusa

Rapporto sulla situazione dei disabili anziani redatto da una rete di associazioni milanesi. L’obiettivo: creare un’unità valutativa trasversale ai servizi che risponda alle esigenze familiari e dei singoli

MILANO – In base alle stime ottenute da un’indagine sulle condizioni di salute e il ricorso ai servizi sanitari, svolta tra il 2004 e il 2005, in Lombardia le persone con disabilità dovrebbero essere 337 mila, di cui 266 mila con un’età superiore ai 65 anni. Dati Istat risalenti al 2001 stimano peraltro che in Lombardia le persone con disabilità sarebbero il 4,1% sul totale della popolazione. Ma i servizi sociali riescono a rispondere alle esigenze dei disabili che entrano nella terza età? Secondo una “rete” di associazioni che opera nel territorio la risposta è “no”. Dal dissenso di queste associazioni è nato un documento. Il lavoro comune è stato presentato oggi in occasione del convegno “La persona con disabilità diventa anziana” che si è tenuto nella sede della Caritas ambrosiana a Milano.

Continua la lettura di “Disabili e terza età, servizi sociali sotto accusa”

Il ”razzismo sdoganato”, il fronte della bioetica

Don Nicolini: ”Una notiza non è una notizia e basta. Io credo sia un’interpretazione”. La favola crudele nel campo rom di Milena Magnani in una performance di voce e musica

CAPODARCO – Andare oltre i motori di ricerca: l’invito a non perdere il senso della professione rifiutando di delegare a “un algoritmo” il proprio ruolo di giornalisti viene dalla XV edizione del seminario di formazione sui temi della marginalità e del disagio, organizzato dall”Agenzia Redattore Sociale, presso la Comunità di Capodarco di Fermo (28-30 novembre). E già fin dall’avvio del seminario, nella giornata di apertura dedicata all’immigrazione e alla discriminazione, questo monito giunge con forza ai circa 200 partecipanti dalle parole di don Giovanni Nicolini (già direttore della Caritas di Bologna), accolto da un lungo applauso. “Una notiza non è una notizia e basta. – ha detto don Nicolini – Io credo sia un’interpretazione. Non puoi mai esimerti dall’interpretazione, anche se non vuoi”. Per questo, ha ribadito, il ruolo dell’informazione è complesso e di grande responsabilità.
Continua la lettura di “Il ”razzismo sdoganato”, il fronte della bioetica”

Ripartire dai poveri

Dal rapporto Caritas sulla povertà

Testo di Vittorio Nozza, presidente Caritas Italiana.

Il rapporto 2008

C’è una distanza che separa chi sta bene da chi sta male.

Ma a differenza di quanto successe nel dopoguerra, c’è anche una scarsa possibilità di veder migliorare, nel corso della vita, il proprio status. Lotta alla povertà, promozione del mezzogiorno, garanzia dei livelli essenziali dei servizi e delle prestazioni sociali in tutta Italia, tutela della non autosufficienza, integrazione degli immigrati, accesso all’abitazione, sono le priorità che devono impegnare parlamento e governo per ridurre la vulnerabilità nel paese.  Continua la lettura di “Ripartire dai poveri”

Emergenza immigrati

Tutto falso!

Articolo di Vittorio Nozza (Italia Caritas).

Il paese delle contraddizioni

«Abbattere tutti i muri che ancora dividono i popoli e le razze, i ricchi dai poveri». Così, da Berlino, Barack Obama, candidato presidente degli Stati Uniti e simbolo meticcio della contemporaneità.

E noi? Noi siamo impegnati a ergere il patetico muro di Lampedusa. Naturalmente è la solita bugia, che il territorio nazionale sia minacciato da un’invasione di “clandestini” tale da richiedere la proclamazione dello “stato d’emergenza”.  Continua la lettura di “Emergenza immigrati”