“Per migliorare una società bisogna migliorare le sue famiglie”

Conferenza preparatoria alla sessione speciale dell’assemblea generale ONU

di Roberta Sciamplicotti

BRATISLAVA, martedì, 28 ottobre 2008 (ZENIT.org).- “Per migliorare una società bisogna migliorare le sue famiglie”, ha dichiarato Richard G. Wilkins, Managing Director del Doha International Institute for Family Studies and Development, nel corso della Conferenza preparatoria alla sessione speciale dell’assemblea generale delle Nazioni Unite (Doha, Qatar, 29 novembre-2 dicembre).

La Conferenza, sul tema “Il 60° anniversario della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani: celebriamo l’impegno mondiale per la vita e la famiglia”, si è svolta a Bratislava (Slovacchia) il 24 e il 25 ottobre.

Wilkins ha ricordato in primo luogo che le Nazioni Unite sono state fondate alla fine della Seconda Guerra Mondiale per “prevenire il disprezzo sistematico futuro dei valori fondamentali”, perché dopo due enormi conflitti “la comunità internazionale era ben consapevole del fatto che quando si corrompono i valori morali fondamentali è possibile – e forse inevitabile – un male immenso”.

L’ONU è stato quindi istituito “per combattere il male programmatico e promuovere responsabilità sociale, decoro e libertà”, ma “il raggiungimento di questi obiettivi fondamentali richiede il riconoscimento e il rispetto dell’intrinseco e assoluto valore della vita umana e della famiglia”.

Quest’ultima, ha spiegato, “non è solo un costrutto dell’immaginazione umana”, ma “l’unità sociale naturale e fondamentale, e sempre più prove mostrano che la sopravvivenza di una società dipende dai risultati positivi che derivano dalla naturale unione di un uomo e una donna”.

A questo proposito, “il 60° anniversario della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani fornisce un momento importante per commemorare e ricordare ancora una volta al mondo queste importanti realtà”.

Analizzando i “continui benefici sociali” della famiglia, Wilkins ha spiegato che i dati portano a “due incontestabili conclusioni”: “le strutture matrimoniali stabili e naturali portano a profondi benefici per uomini, donne e bambini”, mentre il loro crollo “impone significativi costi sociali su individui e società in generale”.

Il matrimonio, ha constatato, “è più dell’unione di due persone; è un’istituzione sociale”, e la gente sposata “in genere ha più salute: vive di più, risparmia di più, ha più salute mentale e una migliore vita sessuale, ed è più felice di quella non sposata”.

Tra gli sposati, inoltre, ci sono più bassi tassi di suicidio, di incidenti fatali, di malattie acute e croniche, alcolismo e depressione.

Allo stesso modo, per quanto riguarda i figli, gli studi dicono che quelli che vivono in una famiglia con entrambi i genitori avranno meno possibilità di abbandonare il liceo rispetto a quelli con un solo genitore, saranno meno soggetti alla povertà e verranno più spinti ad evitare di commettere, così come ad avere una socializzazione positiva.

Il matrimonio, sostiene Wilkins, ha quindi “un valore sociale particolare e unico”, promuove la salute fisica, mentale ed emotiva e incoraggia la produttività sociale.

Per questo motivo, va difeso perché “il crollo della famiglia pregiudica le generazioni future”.

Secondo Wilkins, da tutto ciò si possono dedurre tre conclusioni: “primo, la famiglia è essenziale per il progresso sociale. Secondo, la famiglia – soprattutto nel mondo sviluppato – sta funzionando (forse) meno bene che in qualsiasi altra epoca della storia. Terzo, come membri di una società sempre più globalizzata dobbiamo collaborare per riportare la famiglia alla forza e alla funzione che aveva alle origini”.

“Le minacce che devono affrontare uomini, donne, bambini e la famiglia non riguardano soltanto una fede, un Paese o una cultura – ha constatato –. Tutte le fedi religiose, tutte le culture e tutti i Paesi devono unirsi per combattere l’erosione della moralità e della famiglia. La profonda importanza della famiglia naturale trascende i confini religiosi e culturali”.

La famiglia “è la cellula originaria della vita sociale. E’ la società naturale in cui marito e moglie sono chiamati a dare se stessi nell’amore e nel dono della vita. L’autorità, la stabilità e una vita di rapporti all’interno della famiglia rappresentano le basi di libertà, sicurezza e fraternità nella società”.

Per questo motivo, Wilkins ha esortato “la società a tutti i livelli a tornare alle verità fondamentali relative alla famiglia”.

“Per migliorare una società bisogna migliorare le sue famiglie”, ha dichiarato. “Per contro, il metodo più rapido per distruggere la società è indebolire le sue famiglie”.

Clip to Evernote

Leave a Reply

  

  

  

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.