Albania: ritorno alla verginità

E’ un fenomeno esploso negli ultimi 20 anni. In Albania sono sempre più le donne che si sottopongono ad un intervento chirurgico per recuperare la propria verginità in vista del matrimonio. Un nostro approfondimento.

Lavoro, oltre 8 milioni gli “scoraggiati”. Uno su tre è italiano

Nell’Unione Europea sono 8 milioni 250 mila i disoccupati che, pur disponibili a lavorare, non cercano un impiego (il 3,5% della forza lavoro), l’Italia è il Paese che conta il maggior numero di queste persone che l’Istat definisce “scoraggiati”: ben 2,7 milioni. Vuol dire che uno su tre degli “scoraggiati” europei è italiano. Il dato ...

“Bisogni e costi della Persona con disabilità in seguito ad una lesione midollare”

Molteplici possono essere le cause di una disabilità da lesione midollare: traumi della strada, caduteaccidentali sul lavoro, infortuni durante lo sport. Pochi istanti che cambiano drasticamente la vita di una persona. Oltre al danno più evidente che è quello di dover essere seduti su una carrozzina, si hanno delle ripercussioni sullo stato emotivo della persona ...

L’isola che non c’è

Un lavoro da tempo studiato che riteniamo opportuno pubblicare proprio ora che la ricostruzione nell’aquilano, dopo il forte sisma che ha colpito la zona, aprirà sicuramente importanti sbocchi per le infiltrazioni mafiose negli appalti. La criminalità organizzata, da anni ormai attiva sia nella Marsica che sulle coste abruzzesi,  è sicuramente interessata a non perdere una ...

Il programma di Gelli: più o meno sono tutti uomini di un presidente

A proposito dell’ultimo libro, Luigi Milani, dopo quello di Pentiti di niente, ha realizzato il booktrailer di Il programma di Licio Gelli (qui la scheda del volume). Grazie, Luigi! Nelle esperienze a capo dell’esecutivo, l’ex costruttore milanese si porta dietro conoscenze che risalgono a molto tempo prima. L’attuale sottosegretario alla presidenza del consiglio Gianni Letta, ...

Kosovo, 130 famiglie in pericolo. L’Aizo: ”Vivono accanto a una discarica tossica”

L’Aizo rom e sinti intende ”dare diffusione a questa sconvolgente notizia: persone poco informate e indifese hanno vissuto su un sito inquinato, assegnato loro dall’Alto Commissariato per i rifugiati, senza essere al corrente dei pericoli”